Per Pisa, insieme

TARI, Pisa la città più cara d’Italia e la Giunta Conti vuole farla aumentare ancora!

È notizia di questi giorni che Pisa ha avuto nel 2023 una TARI che è la più cara tra i capoluoghi di provincia in Italia

E come se non bastasse, nuovi aumenti, fino al 7%, sono stati già approvati per il 2024!

Dai dati (ISPRA) per il 2022: Pisa 358,89€ a fronte di una media del centro Italia di 228,25€, di una media regionale di 243,68€, con Firenze a 267,32€, Livorno a 227,13€ e Lucca a 231,26 (Livorno e Lucca della stessa ATO per i rifiuti).

Dulcis in fundo la Giunta di destra che governa la città vuole togliere il porta a porta, che aiuta a mantenere alta la qualità della differenziata e a contenere il costo dello smaltimento.

Il Comune di Pisa ha deciso di eliminare la raccolta porta a porta dei rifiuti e tornare al cassonetto stradale  “intelligente” con apertura controllata con tessera magnetica.

Questo nuovo sistema è stato già attuato in alcuni quartieri come Porta a Mare e progressivamente sarà applicato in tutta la città (DELIBERA DEL C.C. n. 238/2022)

L’intervento di Vladimiro Basta è uscito su La Nazione il giorno 8 giugno 2024

CONSEGUENZE DEL SISTEMA DI RACCOLTA A CASSONETTO STRADALE:

  1. Il cassonetto è una vera propria micro-discarica h24 con abbandoni, soprattutto in una città turistica e di non residenti come Pisa, che deturpa il decoro della città e non aiuta i cittadini ad adottare comportamenti più responsabili e virtuosi.
  2. Con i cassonetti la qualità della raccolta differenziata calerà sensibilmente come dimostrato in molte altre esperienze, e questo significherà:

Aumento sensibile dei rifiuti indifferenziati e quindi dei costi sia per lo smaltimento che la pulizia degli abbandoni;

Aumento dei costi a seguito per l’acquisto delle nuove attrezzature necessarie per gestire della raccolta a cassonetto (acquisto di nuovi camion adeguati, dei nuovi cassonetti, dei software, gestione della manutenzione, ecc.);

Esubero di lavoratori Geofor, che non lavoreranno più sul porta a porta.

La conseguenza finale di tutto ciò sarà un aumento notevole della TARI e quindi delle bollette rifiuti dei cittadini per coprire i nuovi costi. Un aumento che si aggiunge a quelli già annunciati.

GUARDA IL VIDEO DENUNCIA DI VLADIMIRO BASTA: 

(Fonte: Ufficio comunicazione PD Pisa città)

Condividi:
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.